• English
FLASH AVVERSITA’. Raccolta 2017: presenza di ricacci nei cereali

FLASH AVVERSITA’. Raccolta 2017: presenza di ricacci nei cereali

Share

RACCOLTA 2017: PRESENZA DI RICACCI NEI CEREALI

al momento della trebbiatura molti campi di cereali presentano ancora culmi verdi.

Cosa è successo?

Le condizioni climatiche dell’ultimo inverno, caratterizzate da temperature rigide e clima siccitoso, non hanno favorito l’accestimento dei cereali che presentano infatti una densità mediamente bassa.

Tra fine marzo e primi di aprile, una discreta disponibilità idrica, abbinata agli sbalzi di temperatura e alla riserva di azoto non assorbito precedentemente, ha innescato nelle colture più rade un’emissione molto tardiva di culmi di accestimento.

L’andamento siccitoso dei mesi successivi ha fatto sì che questi culmi si sviluppassero poco, aumentando il ritardo rispetto alle spighe principali. Nel contempo bisogna ricordare che la raccolta si sta realizzando con 10-15 giorni di anticipo rispetto alla media storica, a causa delle alte temperature delle prime settimane di giugno.

La presenza di culmi verdi è generalizzata per tutte le varietà e specie, con una maggiore frequenza sui materiali tardivi. Più che le cultivar, sono le combinazioni tra ciclo delle pianta ed andamento climatico che possono creare una maggiore o minore manifestazione del fenomeno.

Difficilmente la presenza delle cariossidi non completamente mature, che possono derivare dalla trebbiatura di questi culmi verdi, supera l’1-2%. Infine la bassa umidità di raccolta che si sta registrando in questa campagna dovrebbe garantire una conservazione ottimale dei monti ottenuti.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*